scuola materna e dell’ infanzia a Roma

Girogirotondo
via di Santa Prisca 8
00153 Roma
Cell: 329.4704398
Cell: 333.3453920

    Pio IX
 

Girogirotondo       Scuola dell’ infanzia bilingue

scuola materna infanzia laboratorio musica
Progetto Formativo

L’obiettivo del progetto della nostra scuola dell’ infanzia è contribuire a sviluppare la personalità del bambino orientando le sue relazioni con il mondo esterno, consapevoli che la personalità infantile si forma attraverso le azioni e gli scambi tra l’io e i soggetti individuali o collettivi circostanti.
E’ grazie allo sforzo di interpretazione conseguente a questa interazione che il bambino adegua i propri comportamenti e avanza nella conoscenza del sé.
Nello stesso tempo, la personalità infantile riuscirà a superare la confusione tra esperienze soggettive e oggettive (dovuta alla preminenza dell’io propria di questa età) e a dare carattere di collaborazione e reciprocità al rapporto con la realtà esterna, all’inizio prevalentemente dipendente dagli adulti (scuola/famiglia).
La caratteristica egocentrica dell’età infantile non permette al bambino di distinguere il proprio mondo interiore dalla dinamica reale.
Così la conoscenza degli altri , l’esplorazione dell’ambiente esterno, la realizzazione di esperienze, lo sviluppo logico-comunicativo, la stessa scoperta di sé richiedono un percorso formativo le cui azioni aiutino il bambino a condividere con gli altri il sè e le cose.


IL compito della scuola dell’ infanzia

L’impostazione di un corretto rapporto tra il bambino e gli altri soggetti infantili, tra lo stesso, la famiglia, la scuola e gli adulti sono quindi determinati alla definizione di un contesto appropriato per la migliore evoluzione della personalità.
Il compito della scuola dell’ infanzia è di ampliare e completare l’azione della famiglia (che rimane fondamentale), facendo da ponte con il mondo esterno.

Il percorso formativo della scuola dell’ infanzia

Il nostro percorso formativo, quindi, riteniamo debba svilupparsi prevalentemente attraverso quattro aree d’esperienza, necessariamente non isolate tra loro:
- area delle corporeità;
- area della comunicazione;
- area della logica;
- area dell’ambiente.
La prima (corporeità) serve a riconoscere, sviluppare e orientare le capacità motorie per la padronanza del proprio corpo e come momento di comunicazione con gli altri.
La seconda (comunicazione) ha come obiettivo lo sviluppo delle capacità espressive, linguistiche e cognitive mediante l’utilizzo sia dei linguaggi verbali e non verbali, sia della funzione comunicativa di situazioni, spazi, oggetti per un compiuto scambio di messaggi individuale e di gruppo.
La terza (area della logica) arricchisce lo sviluppo della conoscenza con particolare riguardo a scoperte, classificazioni, confronti seriazioni, linguaggi, segni e simboli. In questo contesto viene sollecitata l’esperienza matematica, che assumerà un’importanza sempre maggiore nella formazione della personalità infantile con l’applicazioni di schemi, numeri e figure. L’obiettivo è favorire lo sviluppo del pensiero e del ragionamento.
Infine, l’area dell’ambiente punta al raggiungimento di conoscenze sensoriali, percettive, esplorative attraverso attività manuali e di approccio scientifico elementare, di tipo fisico e biologico. Accanto all’uso diretto dei sensi per la conoscenza dell’ambiente circostante, riteniamo importante aggiungere l’apporto di ambienti fisici e culturali diversi. Questo sarà possibile con il superamento di una visione etnocentrica, grazie al contributo di altri contesti culturali e agendo attraverso attività di ispirazione multiculturale e plurietnica, con l’obiettivo di inserire il bambino in un mondo sempre più connotato dall’interazione di valori, comportamenti, modelli diversi.